I precursori sismici del terremoto in Emilia

I segnali che un terremoto stesse per scatenarsi  in Emilia tra le provincie di Ferrara e Modena c’erano e come ! basta guardare la foto sopra, si tratta di un fontanazzo che si è formato poco prima del terremoto.

Fenomeni osservati prima del terremoto:

– rumori provenienti dal sottosuolo circa una settimana prima

– fontanazzi che si sono formati nelle campagne

– variazione del livello d’acqua nei pozzi

–  odore di zolfo sentito in diverse zone.

Questi tipi di fenomeni sono da sempre considerati dei possibili precursori sismici.

Vi riportiamo ora una  testimonianza molto interessante di un abitante di Finale Emilia, area epicentrale del terremoto.

>>>>>>>>>>>>>>>

Buongiorno,voglio darvi la mia testimonianza e quella dei miei conoscenti riguardo il terremoto del 20 maggio 2012, tutti noi abitiamo a Finale Emilia e alcuni nelle frazioni del comune.

Fenomeni Prima del terremoto.

– Circa una settimana prima si sono iniziati a sentire dei tonfi cupi, per spiegarmi come il rumore di una macchinario che pianta dei pali nel terreno ma il rumore più cupo. Questi tonfi sono stati uditi dal paese di Massa Finalese (circa una settimana prima dell’evento) presso le scuole elementari; la provenienza del rumore dalla direzione Via Fruttarola. A Finale Emilia ho sentito questi tonfi solo al venerdì con provenienza sempre nella direzione di via Fruttarola. Sono stati uditi anche nella frazione dell’Apostolica (sita nel comune di Finale Emilia) con provenienza dalla via Fruttarola.Questi rumori sono stati uditi solo alla sera innoltrata quando i rumori del traffico e dell’attività umana sono ridotti al minimo. Il rumore era costante ma senza una cadenza ritmica. Dopo il terremoto delle 4 del mattino lo abbiamo sentito distintamente il giorno 28 alle ore 23.30 circa un quarto d’ora prima di una scossa (si è fermato qualche minuto prima) poi riprendendo dopo alcuni minuti e rifermandosi definitivamente dopo un altra scossa.
– Alla forte scossa avvenuta nel pomeriggi verso le 15 com magnitudo superiore a 5, ho notato che tutti gli animali domestici (che erano ritornati a casa dopo il primo sisma) erano spariti, gli uccelli non volavano ne cantavano. Non so darvi una tempistica precisa ma sicuramente un’oretta prima del sisma. Ho notato che anche gli insetti come mosche e zanzare sono sparite per tutta la domenica e il lunedì.

Fenomeni Durante il terremoto

– Tutte le persone che vivono nel paese di Finale Emilia con cui ho parlato si ricordano il rumore assordante e la difficoltà a mantenere l’equilibrio oltre a oggetti che cadevano se non oltre. Mentre il conoscente che abita vicino alla frazione dell’Apostolica oltre al rumore ha visto mentre usciva di casa dei lampi di luce, alcuni a mezz’aria, alcuni che scturivano dal terreno, altri che attorniavano i cavi dell’alta tensione.
– Parlando con alcuni agricoltori che hanno l’azienda agricola sitra tra la frazione Quatrina e la via Fruttarola, mi hanno raccontato (poi sono andato a vedere) che nei loro campi si sono aperte delle crepe larghe quato un pugno da cui è fuoriuscita una quantità impressionante di sabbia e acqua, tanta acqua da riempire completamente i fossi circostanti.

Fenomeni Dopo il terremoto

– Oltre alla scomparsa di insetti fastidiosi come zanzare e mosche per i due giorni successivi al terremoto, abbiamo riscontrato l’innalzamento dei pozzi, di circa due metri, sia quello dei miei genitori sito in Finale Emilia che quello dei conoscenti nella frazione Apostolica. Altre persone mi hanno riferito che i loro pozzi invece si sono abbassati notevolmente e alcuni addirittura svuotati (però di questi fenomeni non ho un riscontro personale).

 

Precedente I terremoti storici della Lombardia Successivo Perché i terremoti più forti avvengono sempre di notte ?

21 commenti su “I precursori sismici del terremoto in Emilia

  1. Luca il said:

    Abito a Ferrara, a 30 km. dall’epicentro del terremoto del 20 maggio. Durante tutta la giornata del 19, giorno che precedette la scossa, per ben 3 volte, scendendo dalla macchina, ho sentito una micro scossa elettrica appena entravo in contatto con la lamiera della carrozzeria, la cosa mi è sembrata strana, perchè tale situazione di solito, si crea in inverno, quando ci sono giornate molto fredde, ventose e secche…

  2. Cristina il said:

    abito a sant’Agata bolognese,4 km da crevalcore….la sera del 19 maggio ho notato un cielo rosso sangue,mi ricordo di aver fatto la battuta ROSSO DI SERA….mi ricordo anche ke lunedì 21 maggio non c’era neanche un volatile,c’era un silenzio inquietante….pure la civetta ke stava sul campanile (abito a fianco) ha rotto le scatole x mesi e mesi era sparita x molto tempo.

  3. Ascanio Caposquadra Protezione Civile il said:

    LUCA una soluzione plausibile è che tu fossi vestito di materiale sintetico che si carica elettrostaticamente muovendosi…e può essere che l’hai notato grazie a sta coincidenza di eventi… infatti d’inverno questo fenomeno è più frequente perché si usalo pile, giubbotti imbottiti, materiali termici il più delle volte sintetici…

  4. tyna176 il said:

    Perche’ nessuno stà tenendo conto dei boati nel sottosuolo a Vittorio Veneto se in Emilia sono durati una settimana e hanno provocato un magnitudo 5.9 qui da noi sono mesi che non si fermano.

  5. mara il said:

    Io lavoro in una struttura che e’ un vecchio convento del 500 e durante i giorni delle scosse i nostri pipistrelli che dormono nei nostri cornicioni sono spariti e sono riapparsi solo una settimana fa.

  6. Ascanio Caposquadra Protezione Civile il said:

    Tyna176: il fatto che pubblicamente non se ne parli, non significa che nessuno non tenga in considerazione i fenomeni di cui parli… il diffondere panico su un qualcosa di probabilistico non risolve nulla e creerebbe solo inutile scompiglio…

  7. Ascanio Caposquadra Protezione Civile il said:

    MARA: è già un buon segno che siano tornati 😉
    Gli animali è risaputo percepiscano suoni, frequenze che l’essere umano non è in grado di percepire… sembra che i fenomeni sismici emettano suoni che gli animali percepiscono e li mettono in allerta…è per questo che gli animali scappano per tempo.
    Un caso clamoroso di quell’isoletta che presa in mezzo allo tsunami di qualche anno fa, non ha subito morti perché la “tribù “del posto ha seguito gli animali giorni prima del sisma…

  8. tyna176 il said:

    risposta per ascanio …. a parer mio non è creare panico dire ok ci sono dei boati non sappiamo cosa significano li stiamo studiando… non serve dormire con un occhio aperto perche potrebbero non significare niente, ma se potete e ne avete la possibilità fate controllare che la casa sia apposto in caso arrivasse una scossa che potrebbe non arrivare mai …. meglio prevenire che curare non credi ? e sempre un mio parere la gente si sentirebbe più tutelata se invece di tenere tutto nascosto ogni tanto se ne parlasse proprio apertamente anche dicendo non possiamo prevedere un sisma … ho sentito alcune interviste in TV dove dei geologi dicevano: non abbiamo mai detto che la pianura padana non fosse sismica sono solo state male interpretate le mappe! ma vaff… parla chiaro e tutti ti capiscono dire si in passato ci sono stati sismi fortissimi non sappiamo se si ripeteranno la probabilità rispetto ad altre zone è molto bassa però potrebbe succedere ,non crea allarmi non crea panico e le persone sanno che si devono fare una casa antisismica anche in previsione che potrebbe non succedere mai ….

  9. Ascanio Caposquadra Protezione Civile il said:

    Tyna176, se vuoi la verità, la leggi nei quattro forum aperti qui…ne ho già discusso …se ti dicessi che la tua casa non è a antisismica e che te la devi rifare per avere qualche possibilità in più di salvarti ma non di salvarla ti cambia qualcosa? Secondo me non cambia le cose, ma emotivamente condiziona la gente e la speculazione edilizia… casa antisismica non significa che non subisce danno e rimanga agibile, lo ripeto! A meno che non spendi un patrimonio e costruisci su cuscinetti appositi come i grattaceli in giappone … ma se poi ti trovi altrove hai speso soldi inutilmente…però è vero, per anni hanno dato una interpretazione ambigua della cartina sismica… in realtà non ci sono zone non sismiche ma come dici tu a bassa possibilità che accadano… ma è statistica, non è detto sia così!

  10. loredana il said:

    infatti l’appartamento nuovo di mia figlia, antisismico, con la scossa del 29 maggio è crepato in vari punti, la spiegazione è stata che l’antisismico sotto resta rigido, quindi crepa, sopra oscilla.La mia casa, non antisismica, ma costruita con molto cemento e ferro, non ha subito nemmeno un danno. La cosa strana di questo terremoto è che case molto vicine,non hanno subito gli stessi danni, in alcune abitazioni sono caduti mobili, quadri di tutto di più, invece altre niente. io abito a 6km da Finale Emilia tra San Carlo, Bondeno e sant’Agostino eppure il nostro paese ha subito pochi danni e come se ci avesse girato attorno….le avvisaglie però c’erano già state, solo pochi anni fà c’era stata una scossa, anche se non forte, con epicentro nella frazione di Santa Bianca che è in questa zona

  11. Ascanio Caposquadra Protezione Civile il said:

    L’anti sismico inteso all’italiana è una struttura fatta per reggere e potenzialmente stare in piedi, il fatto che le murature, spesso isolate dalle parti in cemento armato crepino può starci… l’importante è che non cedano le strutture portanti… comunque sismico in strutture basse devi creare una scatola di cemento per farla reggere… in più piani devi dargli elasticità, avrai la lesione dei muri e degli arredi ma lo scopo è non fare collassare la struttura …molti sono i fattori che influiscono nella propagazione delle onde elastiche provocate dai terremoti, non credo vi abbia girato attorno, ma che in un certo qual modo il terreno abbia assorbito e subito in modo diverso la scossa…è un ipotesi!

  12. adriana il said:

    abito a staggia frazione di san prospero lontana 6 km da cavezzo ieri notte intorno l’una siamo stati svegliati da strani tonfi.un rumore constante durato una mezzoretta,era come se qualcuno stesse battendo dei palli nella terra ma rumore molto piu amplificato.questo rumore e stato sentito da san felice cavezzo san prospero sorbara.secondo voi cosa potrebbe essere

  13. Ascanio Caposquadra Protezione Civile il said:

    ADRIANA, credo che nessuno mai ti dirà cosa sono certi fenomeni che credo siano ancora sotto osservazione. Credo che l’esempio più semplice per farti capire il fenomeno sia questo: immagina due corpi che accostati sono sottoposti a forze e pressioni contrarie, fin tanto che c’è atrito sufficientemente forte da contrastare le due forze tutto rimane stabile, quando soppravvale una forza e l’atrito viene meno lo spostamento dei due corpi provoca questi rumori.
    Non ho studi che possano provarlo, ma ho qualche certezza. Non è il caso di allarmarsi, ma di stare alle disposizioni e alle informazioni della Protezione Civile. Consiglio di leggere sui comportamenti da tenere in caso di terremoto. Conoscere riduce le paure e ti aiuta ad affrontare le cose.

  14. alberto il said:

    certi fenomeni sono riscontrabili da secoli, poco tempo prima di un terremoto in provincia di Livorno, Toscana, nel 1846, epicentro Orciano Pisano (PI), ore 12:55 del 14 agosto 1846, magnitudo 5,91:

    Tratto da:

    “Relazione dè Fenomeni presentati dai Terremoti di Toscana dell’agosto 1846 – Considerazioni Teoriche sopra i medesimi del Prof. Cav. Paolo Savi.”

    “In Pisa non videsi niun cambiamento particolare in quella mattina; ma in Livorno notarono aver l’orizzonte un color verdastro fosco; e sono assicurato da persona degna di fede, che a Serazzano, poco avanti la scossa, l’aria si fece turchina in modo tale da cagionar gran maraviglia negli abitanti di quella terra”

  15. alberto il said:

    e ancora, sempre tratto dal solito scritto: “L’acqua della fonte per diversi giorni apparve biancastra; un grande squarcio di terreno si produsse alla bocca della Fine (fiume in comune di rosignano marittimo in provincia di livorno), la cui acqua «pareva bollisse».

  16. franco il said:

    io abito ha san. pietro in casale e devo dire che la notte del 20 maggio stavo dormendo mi ha svegliato il gran rumore e ho preso un grosso spavento che mi porto dietro ancora oggi e ci sono molte notti che alle ore 04.04 mi sveglio e non riesco piu ha prendere sonno.

  17. nada il said:

    si sentono bussi da due ore come la sera del 20 maggio !
    sentite anche voi?sono di finale emilia

  18. claudio il said:

    salve. abito vicino a citta di castello. dal 20 aprile ci sono starte 650 scosse. piu della meta superiori al 2. la prima è stata di 3,7.da una profondita di 10 km è passata a 4 km. e le scosse che erano scese a 1 grado s.m. son tornate a 2,6.i boati ad ogni sc0ssa sono enormi. son quelli che fanno piu paura alla gente

I commenti sono chiusi.